ENEA 2024 che fare?

Dal  26 gennaio 2024 è operativo il NUOVO SITO detrazionifiscali.enea.it per inviare all’ENEA i dati degli interventi inerenti l’anno 2024.

Per interventi conclusi dal 01/01/2024 al 26/01/2024, i 90 giorni per l’invio delle pratiche decorrono dal 26/01/2024

Sulla Gazzetta Ufficiale n.322 del 31.12.2021 è stata pubblicata la Legge di Bilancio per l’anno 2022 e  per il triennio 2022-2024 (L. 31.12.2021 n.310) che proroga al 31 dicembre 2024 le detrazioni fiscali per l’efficienza energetica degli edifici (Ecobonus) e le detrazioni fiscali per le ristrutturazioni (Bonus Casa), in relazione alle spese sostenute dal 1° gennaio 2022 al 31 dicembre 2024.

La seguente tabella sintetizza gli interventi incentivabili con gli Ecobonus e le rispettive aliquote di detrazione.

Componenti e tecnologieAlquote di detrazione

Serramenti e infissi

Schermature solari

Caldaie a condensazione classe A

50%
Riqualificazione globale dell’edificio

Caldaie a condensazione classe A+Sistema termoregolazione evoluto

Generatori di aria calda a condensazione

Pompe di calore

Scaldacqua a PDC

Coibenzione involucro

Collettori solari

Generatori ibridi

Sistemi di building automation

Microgeneratori

                                                65%

La seguente tabella sintetizza gli interventi che usufruiscono delle detrazioni fiscali del 50% previste per le ristrutturazioni edilizie – ex art. 16 bis del DPR 917/86

Componenti e tecnologie Alquote di detrazione
  • installazione di collettori solari (solare termico) per la produzione di acqua calda sanitaria e/o il riscaldamento degli ambienti;
  • sostituzione di generatori di calore con caldaie a condensazione per il riscaldamento degli ambienti (con o senza produzione di acqua calda sanitaria) o per la sola produzione di acqua calda sanitaria per una pluralità di utenze ed eventuale adeguamento dell’impianto;
  • sostituzione di generatori con generatori di calore ad aria a condensazione ed eventuale adeguamento dell’impianto;
  • pompe di calore per climatizzazione degli ambienti ed eventuale adeguamento dell’impianto;
  • sistemi ibridi (caldaia a condensazione e pompa di calore) ed eventuale adeguamento dell’impianto;
    microcogeneratori (Pe<50kWe);
  • scaldacqua a pompa di calore;
  • generatori di calore a biomassa;
  • installazione di sistemi di contabilizzazione del calore negli impianti centralizzati per una pluralità di utenze;
  • installazione di impianti fotovoltaici e sistemi di accumulo (limitatamente ai sistemi di accumulo i dati vanno trasmessi per gli interventi con data di fine lavori a partire dal 01/01/2019);
  • teleriscaldamento;
  • installazione di sistemi di termoregolazione e building automation.
                                           50%

Il seguente articolo è stato visto 25740 volte