Incentivi fiscali Aria Condizionata – Riscaldamento e Condizionamento

Lo Stato offre  incentivi fiscali  del 50% per le opere finalizzate al conseguimento di risparmi energetici ed allo sfruttamento di energie rinnovabili.Incentivi fiscali Aria Condizionata - Riscaldamento e Condizionamento

Con l’installazione di un nuovo climatizzatore in pompa di calore è possibile recuperare con gli incentivi fiscali il 50% del costo totale dell’impianto attraverso la detrazione fiscale nella denuncia dei redditi.  (prorogato per tutto il 2017 vedi-> legge di stabilità 2017)

Chi può fruire delle detrazioni – Incentivi fiscali Aria Condizionata – Riscaldamento e Condizionamento:
Tutti i contribuenti assoggettati all’imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) residenti o meno nel territorio dello Stato. L’agevolazione spetta a:
– proprietari o nudi proprietari
– titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie
– locatari o comodatari
– soci di cooperative divise e indivise
– imprenditori individuali, per gli immobili non rientranti fra i beni strumentali o merce
– che producono redditi in forma associata (società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice e soggetti a questi equiparati, imprese familiari), alle stesse condizioni previste per gli imprenditori individuali.
– il familiare convivente del possessore o detentore dell’immobile oggetto dell’intervento, purché sostenga le spese e siano a lui intestati bonifici e fatture

Cosa fare per fruire della detrazione- Incentivi fiscali Aria Condizionata – Riscaldamento e Condizionamento : 
Per fruire della detrazione è sufficiente, indicare nella dichiarazione dei redditi  i dati catastali identificativi dell’immobile sui quali si sono stati effettuati i lavori. In secondo luogo è necessario esibire e conservare le fatture comprovanti le spese sostenute e le ricevute dei bonifici di pagamento a cui deve essere messa  come causale: “BONIFICO AI SENSI DELLA LEGGE DPR 917-1986-TUIR ART. 16BIS (ex 449/97) – ACQUISTO CLIMATIZZATORE INVERTER CON POMPA DI CALORE

65Per la Riqualificazione Energetica  gli incentivi fiscali sono  del 65% fino al 31/12/2017 *

La risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n° 458/E del 1/12/2008 ha stabilito che la detrazione è prevista anche qualora la pompa di calore integri l’impianto esistente di riscaldamento e non lo sostituisca.  In questo caso l’intervento è agevolabile solo se comporta una riduzione dei consumi di energia primaria, rientrando nei limiti stabiliti dal DM 11/3/2008 e l’indice di risparmio debba essere calcolato in base al fabbisogno energetico dell’intero edificio e non a quello delle singole porzioni immobiliari.

Si ricorda che gli incentivi fiscali del 65% implica la procedura e gli adempimenti necessari tramite comunicazione all’ENEA. Inoltre, oltre a comprendere gli stessi interventi degli anni precedenti, include anche: l’acquisto e la posa in opera delle schermature solari e l’acquisto e la posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse (inteso non come riqualificazione energetica di edificio, quindi non necessiterà alcuna verifica sugli infissi esistenti).

Incentivi fiscali Aria Condizionata - Riscaldamento e CondizionamentoaggiornamentoAgevolazione 65 Incentivi fiscali Aria Condizionata - Riscaldamento e Condizionamento Bonus mobili ed elettrodomestici

Salva

Richiedi un preventivo gratuito per BRESCIA e Provincia

CONTOTERMICOIncentivi fiscali: Conto Termico   Interventi di efficientamento energetico   Il Decreto attuattivo 28/12/2012, detto “Conto Termico”, disciplina l’incentivazione degli interventi di piccole dimensioni per l’incremento dell’efficienza energetica e di produzione di energia termica da fonti rinnovabili tramite l’erogazione di contributi pluriennali (2 – 5 anni) da parte del GSE.  Categorie di interventi:

A) Interventi di incremento dell’efficienza energeticag s e

B) interventi di piccole dimensioni relativi a impianti per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili e sistemi ad alta efficienza;

Chi può fruire della detrazione:

– Amministrazioni pubbliche interventi categoria A e B

– Soggetti privati (intesi come persone fisiche, condomii e soggetti titolari di reddito impresa o di reddito agrario) interventi categoria B

 Per accedere agli incentivi fiscali  bisogna fare la richiesta di accesso diretto, la prenotazione e l’iscrizione ai registri  tramite il portale denominato “portaltermico” del sito del GSE

gse INTERVENTIIl GSE informa che al 28 febbraio 2015 risultano attivati 8.750 contratti DISPONIBILE  ANCORA IL 90% DEI FONDI.

TEE TITOLO EFFICIENZA ENERGETICA

Incentivi fiscali: TEE  Titoli di Efficienza Energetica (Certificati Bianchi)

I certificati bianchi sono degli incentivi alla realizzazione di interventi e progetti di incremento di efficienza energetica e si concretizzano nella forma di documenti che attestano il risparmio energetico conseguito.    Possono accedere al meccanismo dei certificati bianchi e presentare progetti di efficienza energetica i seguenti “soggetti volontari”:

• Società di Servizi Energetici (SSE)
• Società con obbligo di nomina dell’energy manager (SEM)
• Società controllate dai distributori obbligati
• Distributori di energia elettrica o gas non soggetti all’obbligo
• Imprese operanti nei settori industriale, civile, terziario, agricolo, trasporti e servizi pubblici, compresi gli Enti pubblici, purché provvedano alla nomina del responsabile per la conservazione e l’uso razionale dell’energia di cui all’articolo 19, comma 1, della legge 9 gennaio 1991, n. 10 (“energy manager”) oppure siano certificati ISO 50001 e mantengano in essere queste condizioni per tutta la durata della vita tecnica dell’intervento.
Il meccanismo dei certificati Bianchi prevede che qualunque tipo di intervento possa accedere agli incentivi fiscali , purchè sia possibile misurare con strumenti certificati il risparmio ottenuto. La soglia minima per accedere all’incentivo:
– Progetti standardizzati: intervento min. 20TEP*    – Progetti analitici: intervento min. 40TEP*    – Progetti a consuntivo: intevento min. 60TEP*
*TEP Tonnellata Equivalente di Petrolio – di risparmio energetico conseguito
Possono accreditarsi al GSE e richiedere i Certificati Bianchi:
– Società di servizio energetici – ESCo
– Esperti in Gestione dell’Energia – EGE
– Energy Manager
Dal 2016 potranno solo ESCo e EGE in possesso delle certificazioni UNI 111352 O UNI 11339Incentivi riscaldamento condizionamento pompe di caloreclicca

IMPORTANTE: Per usufruire delle DETRAZIONI FISCALI  il venditore/installatore deve essere un’azienda abilitata (pena la decadenza dell’agevolazione).

Per ulteriori informazioni e aggiornamenti: www.agenziaentrate.gov.it Tel. 848.800.444 – 0696668907 (da cellulare) – +39 0696668933 (da estero)

–> Legge di Stabilità 2016 Ufficialmente prorogato per un altro anno, ecobonus, bonus ristrutturazioni

Salva

Salva